La ginnastica ritmica è una disciplina olimpica femminile, di squadra e individuale. Le ginnaste devono eseguire delle oreografie utilizzando alcuni attrezzi: palla, clavette, fune, cerchio e nastro.

Questo sport è una sintesi di eleganza, destrezza, espressività e acrobatica. La pratica di questa disciplina, grazie alla completezza della preparazione di base, garantisce uno sviluppo fisico equilibrato e favorisce la coscienza di sé. Nel programma di questi corsi è dato grande spazio alla preparazione a corpo libero, con particolare attenzione allo sviluppo delle capacità coordinative e della mobilità articolare.

Il corpo libero: mette in evidenza le capacità espressive e interpretative dell’atleta che collega con i passi ritmici e della danza classica e moderna salti artistici, equilibri, elementi di mobilità articolare e giri tecnici.

 
Gli esercizi alla fune esaltano la capacità di salto che ogni ginnasta cercherà di migliorare con una preparazione atletica particolare e con lo studio di quelli che sono chiamati “salti artistici”. 


Gli esercizi con la palla evidenziano le capacità di flessibilità valorizzando l’eleganza e la plasticità dei gesti, che maturano con la ginnasta e ne diventano parte.

 

Gli esercizi con il cerchio richiedono l’equilibrato utilizzo degli elementi di salto, di giro e di flessibilità e necessitano un accurato lavoro sulla coordinazione e sulla destrezza.

 

Gli esercizi con il nastro sono sicuramente i più spettacolari, ma anche i più insidiosi. E’ l’attrezzo più amato dalle piccole ma trova la sua completezza solo dopo il raggiungimento di una buona maturità tecnica: evidenzia difatti la capacità di girare, che richiede uno studio accurato dei pivot artistici ed una solida preparazione coreografica.

 

Gli esercizi con le clavette esprimono, attraverso lanci e movimenti asimmetrici, la destrezza e la coordinazione della ginnasta; prevedono inoltre l’utilizzo di elementi di equilibrio che richiedono un allenamento appropriato e uno studio adeguato, avvalendosi anche di una preparazione di danza.